<link rel="stylesheet" href="//fonts.googleapis.com/css?family=Droid+Sans%3A400%2C700%7CDroid+Sans%7COpen+Sans%3A400%2C600">HelpSolution: Root Android cos'è? | Informatica

Root Android cos’è?

Root di telefoni android – regole di base

Ci sono decine di migliaia di dispositivi Android diversi là fuori, quasi tutti hanno un metodo di rooting leggermente diverso. Quindi, in questo articolo esamineremo tutto ciò che è necessario sapere sul rooting dei telefoni Android e analizzeremo i passaggi generici da eseguire.

Il Rischio

Prima di tutto, dobbiamo riconoscere il rischio che comporta il rooting del telefono. Per i modelli più diffusi, come la serie S di Samsung o i modelli Nexus, troverai community molto attive basate sul rooting di questi dispositivi specifici (su reddit, XDA ecc.) E sul supporto a lungo termine troverai da popolari ROM personalizzate come il sistema operativo Lineage (precedentemente CyanogenMod). Per tali dispositivi c’è poco o nessun rischio nel fare il rooting del dispositivo, a patto che segui i passaggi con precisione.

Se i tuoi dispositivi non sono molto popolari, il rooting diventa un po ‘complicato. Per questi dispositivi è della massima importanza comprendere completamente il processo di rooting (che è il motivo per cui siamo qui), sono in grado di eseguire il debug di eventuali errori che possono verificarsi e ottenere il metodo di rooting da una fonte attendibile.

Daremo un’occhiata a tutto ciò che è necessario sapere sul rooting del tuo telefono Android: cosa è esattamente, i motivi per farlo, i motivi per non farlo e infine come farlo.

Cos’è il Rooting?

Per comprendere il rooting, dobbiamo prima capire come funziona Android. Android è basato su un kernel Linux. Il kernel è come il centro di un sistema operativo per computer, il nucleo che fornisce servizi di base per tutte le altre parti del sistema operativo. Parla direttamente con l’hardware e fa tutto il lavoro che gli viene assegnato.

Ma ci sono alcune cose che non è permesso eseguire per l’utente medio per la propria sicurezza. Tali comandi richiedono privilegi di livello admin per l’esecuzione e su dispositivi normali nessuno, ad eccezione del sistema operativo stesso, può eseguire questa operazione. Questo è importante. Questo è ciò che impedisce alle app di eseguire qualcosa che l’utente non ha permesso. Ad esempio, forse hai notato che nessuna app può abilitare la connessione dati sul tuo telefono, devi farlo manualmente.

Inoltre, tutte le app sono come diversi utenti del sistema operativo. Quando accetti le autorizzazioni richieste da un’app, stai definendo cosa può fare, a quali informazioni ha accesso e cosa può fare il kernel Linux.

Il rooting è il processo per ottenere l’accesso a livello di root (o privilegi amministrativi) sul tuo dispositivo, permettendoti di avere il controllo di ogni aspetto del dispositivo.

Allora, quali sono queste cose segrete che il root ti permette di fare?

Perchè rootare il tuo Telefono?

Il rooting è davvero fantastico. Ecco alcune cose che si possono fare con uno smartphone Android con root, per citarne alcuni:

·        Sbarazzati di bloatware e disinstalla le app predefinite

·        Migliora la durata della batteria

·        Automatizza qualsiasi attività

·        Blocca tutti gli annunci

·        Installa ROM personalizzate

·        Ottieni l’anonimato completo usando Tor

·        Infine, quasi tutte le app relative all’hacking (sniffer, MITM-ers, cracker WiFi) richiedono dispositivi rooted.

·        Il rooting è reversibile. Non ti piace? Puoi tornare indietro.

Perchè non rootare il tuo Telefono?

·        È un rischio per la sicurezza.

·        Potrebbe invalidare la garanzia.

·        Se qualcosa va storto, sarai il proprietario di un mattone costoso (il telefono sarà da gettare).

Come rootare il tuo Telefono?

Ancora una volta, dato che questa è una guida molto generica, non entreremo nei dettagli tecnici perché ci sono troppi dispositivi. Quindi qui daremo un’occhiata al processo di rooting in generale. Questi sono i due passaggi che dovrai seguire indipendentemente dal tuo dispositivo:

·        Sblocco o esclusione di qualsiasi protezione del bootloader. Ciò consente di sovrascrivere la partizione di sistema.

·        Installazione del software specifico per il dispositivo che consente di acquisire la root.

Ora, sul “come” vengano eseguiti questi due passaggi, c’è differenza da dispositivo a dispositivo.

Sbloccare il Bootloader

Mentre alcuni telefoni come il Nexus sono quasi troppo facili da rootare, non tutti gli OEM (produttori di apparecchiature originali) pensano che gli utenti debbano fare casini con i loro dispositivi. Quindi, in molti telefoni popolari oggi, gli OEM cercano di proteggere il bootloader. Il bootloader è semplicemente il programma sul tuo telefono che colloca il sistema operativo Android nella memoria (RAM) quando il telefono si sta avviando. Da lì in poi, il sistema operativo comanda. E se il bootloader è bloccato, non esiste un percorso chiaro per ottenere i privilegi di root. Quindi questo è qualcosa che dobbiamo affrontare prima di poter eseguire il root del nostro dispositivo.

Lo sblocco del bootloader di solito comporta lo sfruttamento di una vulnerabilità nel software OEM per poter riscrivere certe partizioni. Queste sono le partizioni nella memoria interna del telefono e contengono il sistema operativo. Ci sono alcuni modi comuni per fare questo:

·        Flashare un nuovo bootloader

·        Flashare una nuova recovery

·        Avvio temporaneo da un’iso tramite USB per recuperare l’accesso alla partizione di sistema.

Sui telefoni in sviluppo, come la gamma Nexus di Google, questo passaggio può essere semplice come eseguire il comando fastboot oem unlock (anche se questo cancella i dati sul telefono).

Quindi questo è il passaggio 1. Si dovrebbe sempre verificare un percorso ufficiale per il rooting del telefono prima di cercare soluzioni di terze parti.

Installare i root binaries

La parte difficile è finita. L’installazione dei binari di root include due cose:

·        Il backend: installazione del binario “su” (superuser)

·        Il frontend: installazione di un apk rivolto all’utente, un’app per la gestione dei permessi di root per tutte le altre app. Ad esempio: SuperSU

Per l’installazione di su binary, l’approccio più comune è semplicemente utilizzare una ROM pre-root fornita dalla comunità. Ancora una volta, dovrai verificare quali ROM siano disponibili per il tuo dispositivo.

Alcuni dispositivi potrebbero richiedere passaggi aggiuntivi per completare il processo di rooting. Ad esempio, il rooting-in-place, ovvero il rooting del sistema operativo preinstallato, solitamente implica lo sfruttamento di una vulnerabilità nel sistema operativo.

Fintanto che segui i passaggi da una fonte affidabile e affidabile, non ci sarà rischio di danneggiare il tuo dispositivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *